Un saggio diviso in due parti, una tematica che le unisce. 

Nella prima parte c'è un luogo, un appuntamento, un gruppo di bambine ed un gruppo di bambini che si devono incontrare e che non si incontreranno (forse) mai. Forse lo faranno solo più avanti. Un gioco buffo tra maschi e femmine, che spesso si cercano e non si trovano, che spesso sono su due binari differenti, oppure su due carrozze diverse, ma sempre dello stesso treno. Veramente il mondo maschile e quello femminile sono così lontani e così diversi? Di chi è la colpa se i nostri protagonisti non si riescono ad incontrare?

Nella seconda parte c'è un altro luogo, uno spogliatoio prima di una lezione di tango. Il tango è un ballo in cui danzano, direttamente a contatto, due anime, più che due corpi. Dove la fiducia e l'equilibrio nella coppia permettono di stare insieme in milonga, di viaggiare, appaiati, nel percorso della vita.Il tango come metafora dei rapporti tra uomo e donna. In scena quattro donne, quattro storie, quattro vite. Vite di coppia, o del desiderio di essere in coppia, vite raccontate con forza e fragilità. Storie di felicità e di dolore, storie che alla fine, vogliono lasciare spazio alla speranza.

Ah, gli uomini...

Regia: Marco Pedrazzetti

Con: Camilla Marioli, Caterina Facchini, Giulia Radice, Valentina Ghetti.

Questa NON è la procedura per associarsi; attraverso questa registrazione si può accedere a contenuti riservati agli utenti registrati, ma non si diventa soci di Teatro Studio.