Progettare un teatro

Graticcia

La graticcia è una pavimentazione non continua costituita da profilati in metallo. È posta quasi alla sommità della torre scenica e sotto di essa c'è un vuoto piuttosto importante, che finisce sul palcoscenico. Sulla graticcia è necessario poter camminare (in piedi!), quindi, oltre al peso dei tiri, deve essere in grado di reggere il peso delle persone. I profilati sono forniti di appositi fori, piuttosto ravvicinati, nei quali trovano posto, mediante un sistema di aggancio in appoggio, le carrucole sopra alle quali passa la fune di sollevamento. Modificando la posizione, in qualsiasi senso, della carrucola, è modificata la posizione del tiro sottostante.

Panoramica della graticcia

Esempio di graticcia

Normalmente un tiro che occupa tutta la scena è sollevato da almeno quattro funi (lunga, mezza lunga, mezza corta, corta). Ognuna delle quattro funi va ad agire su una carrucola in modo da tenere il tiro sottostante perfettamente orizzontale. Pertanto per spostare avanti o indietro tale tiro occorre spostare le quattro carrucole.

Nel caso di una quinta, invece, sarà sufficiente agire su due carrucole. Da notare che le carrucole possono occupare (ad esempio nel caso delle quinte) binari diversi in graticcia.

Carrucola in graticcia

Carrucola in graticcia

La parte che sta sopra alla graticcia è chiamata soffitta.

Torna a "Graticcia o rocchettiera?"

Torna a "Progettare un teatro"

Registrati e accedi ai contenuti riservati agli utenti registrati. ATTENZIONE: questa non è la procedura per associarsi.

Con questa registrazione accede a contenuti riservati agli utenti registrati, ma non si diventa soci di Teatro Studio.